ATTENZIONE: soltanto per ordini con pagamento effettuato realizzati entro 13.12 potrà essere garantita la consegna prima di natale.

Stinco di agnello brasato nel vino rosso

Da: Pur Südtirol

Tempo di preparazione: 01:00

Ingredienti:
  • 4 stinchi di agnello
  • sale
  • pepe appena macinato
  • 30 ml olio per arrostire
  • 100 g cipolla tagliata a dadini
  • 80 g carote tagliate a dadini
  • 60 g gambo di sedano tagliato a dadini
  • 1 C concentrato di pomodoro
  • 80 g pomodori Oeschi o pomodori in scatola
  • 125 ml vino rosso di corpo
  • 500 ml fondo di vitello o acqua
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 rametto di timo
  • 2 foglie di salvia
  • Altro
  • 200 g infiorescenza di cavolfiore lessata
  • 120 g taccole lessate
  • 4 pomodorini ciliegia pelati
  • 1 C burro
  • sale
  • timo per guarnire

 

 

Preparazione

  • Aromatizzare gli stinchi di agnello con sale e pepe, arrostirli poi in una brasiera con olio caldo.
  • Togliere la carne dalla brasiera, aggiungervi le verdure (cipolla, carote, gambo di sedano) e arrostirle. Unire il concentrato di pomodoro e il pomodoro, sfumare con il vino rosso e far ridurre fino a quando avrà assunto un bel colore marrone.
  • Mettere ora la carne con le verdure, irrorare con il fondo caldo, aggiungere il rosmarino, il timo e la salvia e brasare coperto in forno preriscaldato (a 180 gradi). A metà cottura abbassare la temperatura a 160 gradi.
  • Togliere la carne dalla salsa e metterla da parte. Insaporire con sale e pepe e filtrare attraverso un passino.
  • Riscaldare il cavolfiore, le taccole e i pomodorini ciliegia in poco burro, salare e distribuire sui piatti.
  • Disporre gli stinchi di agnello sulla verdura, irrorare con la salsa, cospargere con il timo e servire.

Variazioni

  1. Stinco di capriolo brasato: al posto dello stinco di agnello usate quello di capriolo.
  2. Stinco di maialino da latte brasato: al posto dello stinco di agnello usate quello di maialino da latte.

 180/160 gradi circa

 1 ora circa

Suggerimento

Come contorno vanno bene delle patate all’aglio, un risotto ai porcini, dei maltagliati al grano saraceno o altro ancora.

Fonte: 33xCarne - Gustare nelle Dolomiti