Avvento in Alto Adige: non solo mercatini e vin brulé

Il periodo di attesa più bello dell’anno è ricco di piccole e grandi tradizioni, che, anno dopo anno, vengono attese con trepidazione da grandi e piccini. Già il 1° dicembre o la prima domenica dell’Avvento, a seconda di quale delle due viene prima, si apre la prima porticina del calendario o si accende la prima candela dell’Avvento. Quest’anno si può gioire delle due tradizioni contemporaneamente, poiché la prima domenica dell’Avvento sarà proprio il 1° dicembre.  

Da lì mancano poi solo pochi giorni all’arrivo di Nicolò, accolto non solo da gioiose canzoncine natalizie, bensì anche da un po' di timidezza e persino timore dei più piccini. Alla vigilia dell’arrivo del Santo dei Marinai, inconfondibile con la sua barba bianca e il mantello rosso, i Krampus si aggirano per le strade dell’Alto Adige in tutta la loro malvagità! Il compito di questi mostri, riconoscibili già in lontananza per via dei campanacci e delle loro fruste, è quello di dare una lezione ai bambini più birichini, affinché il prossimo anno siano più buoni. Le popolari sfilate dei Krampus sono uno spettacolo non solo per i più curiosi, bensì anche per gli amanti del brivido, che vogliono farsi coinvolgere in una selvaggia lotta contro i Diavoli delle Alpi!

A Natale la pasticceria è a casa

L’emozione che caratterizza il 5 dicembre è, ovviamente, un’eccezione in questo periodo di profonda contemplazione. Un’occasione perfetta, invece, per trascorrere del tempo con i propri cari si propone nel preparare insieme gli amati biscotti natalizi. Nel periodo dell’Avvento sono numerose le varietà di biscotti che in Alto Adige non possono assolutamente mancare, proprio come non può mancare la stella sull’albero di Natale. Un barattolo dei biscotti senza quelli alla vaniglia o gli Spitzbuben ripieni di cioccolato o marmellata, che barattolo dei biscotti è?! Anche quelli alle noci, al cocco e i Cornetti del Convento sono le classiche sfiziosità del Natale.

Ma nella pasticceria di casa a Natale non si preparano solo biscotti, bensì anche la famosa zelten altoatesina, dall’inconfondibile sapore vivace, dolce e fruttato. I bordi di questo profumatissimo pane di segale vengono decorati con gustosi canditi, noci aromatiche e pinoli. Grazie alla sua alta idratazione e alla sua dolcezza, questo dolce rimane gustoso e fresco a lungo. 

Mentre il forno lavora senza tregua e l’intera casa è avvolta da un delicato profumo di biscotti e dolci, ci si può finalmente riposare con una buona bevanda calda. Oltre all’intramontabile cioccolata calda, non può di certo mancare il tradizionale punch alle mele. Tuttavia, se nell’impaziente attesa del “DRIIIIIN” del timer qualcuno volesse già gustare qualche tradizionale dolce natalizio, potrebbe ricorrere ad un’immancabile fetta di panettone o pandoro. Il pane dolce dell’Avvento tipico dell’Italia del Nord è ormai parte integrante della tradizione natalizia altoatesina ed è ancor più invitante se abbinato ad una calda tazza di punch al miele.

La magia del Natale tra famiglia e amici

La pancia è piena di biscotti e calde bevande invernali, uno dei numerosi tormentoni natalizi risuona nella testa e i profumi degli aghi di pino, mescolati a quelli delle candele, inebriano l’olfatto: che altro desiderare nel contemplativo periodo dell’Avvento? Gli amici e la famiglia, ovvio!

È soprattutto in questo periodo dell’anno che ci si dedica alle cose più importanti della nostra vita: trascorrere del tempo in compagnia, ascoltare e aiutare il prossimo. Facciamo in modo che la frenesia sia solo una caratteristica dei mercatini di Natale. Tra un paio di settimane ricomincia un nuovo anno ed ogni inizio è più semplice se si ha al proprio fianco le persone che ci scaldano il cuore.

Prodotti connessi