ATTENZIONE: soltanto per ordini con pagamento effettuato realizzati entro 13.12 potrà essere garantita la consegna prima di natale.

Lo Speck Alto Adige IGP

La produzione dello speck ha una lunga tradizione in Alto Adige. Ci sono spesso aziende produtrici gestite da famiglie che da generazioni producono speck a base di un segreto gelosamente custodito e tramandato di generazione in generazione. È un artigianato che ha bisogno di molta esperienza dal tagliare dalle coscie, ai mix di condimenti segreti o dalla relazione fra l´essicazione e l´affumicazione. La produzione di speck é una passione e solo i produttori che hanno curato la qualitá e le specialitá individuali hanno sopravissuti. I primi documenti contenenti la parola "speck" risalgono al XVIII secolo, ma lo speck, seppur con definizioni e nomi diversi, compare nei regolamenti dei macellai e nei registri contabili dei principi tirolesi già dal 1200. All´inizio lo speck veniva prodotto per la necessità di conservare la carne ed era destinato al consumo famigliare. Permetteva di conservare per tutto l’anno la carne dei maiali che venivano uccisi durante il periodo natalizio. Col tempo è diventata una delle pietanze principali in occasione di feste e banchetti. E ancora oggi, insieme al pane e al vino, è il protagonista della merenda sudtirolese. Lo speck è nato dall’unione di due metodi di conservazione della carne: la stagionatura, come per il prosciutto crudo nell’area mediterranea, e l’affumicatura, tipica del Nord Europa. Così, l’Alto Adige ha creato un prodotto tipico inconfondibile nella produzione e nel gusto, secondo la tradizionale regola "poco sale, poco fumo e molta aria". Solo qui, tra le montagne e le valli del versante alpino meridionale, può nascere il tipico Speck Alto Adige Lo Speck Alto Adige deve il suo peculiare carattere proprio alla particolare posizione geografica dell’Alto Adige. S´incontrano la cultura nordica e quella mediterranea in modo singolare e la natura dà vita ad un clima davvero speciale, con tanto sole e aria pulita. Così, mentre al nord si conserva il prosciutto crudo attraverso l’affumicatura e al sud lo si stagiona all’aria, gli altoatesini hanno unito le due cose, dando vita al tipico Speck Alto Adige, leggermente affumicato e stagionato all’aria secondo l'antica tradizione.