Törggelen in Alto Adige: pura tradizione autunnale

Una quinta stagione in Alto Adige

Ogni anno, nei mesi di ottobre e novembre, il variopinto paesaggio autunnale dell'Alto Adige ci rimanda al Törggelen. In questa stagione, probabilmente la più piacevole in Alto Adige, la gente a passeggio e i buongustai si riversano nelle tradizionali osterie locali e, seduti ad una calda tavola imbandita, gustano le prelibatezze di diversi masi. Tuttavia il principe di questa festività è lui: il vino nuovo!

 

Dal mosto alla tradizione

Chiunque sia andato almeno una volta al Törggelen potrebbe fare una chiara associazione tra questo termine ed il verbo "barcollare" (in ted. torkeln): è evidente infatti che lo stato di poca lucidità derivi da un'assunzione eccessiva di vino, motivata dalla sua fresca bontà. Tuttavia quanto affermato non è del tutto vero: il termine deriva originariamente dal latino "torquere" (pressare), poiché l'uva, sia per il mosto dolce "Sußer", sia per il vino giovane "Nuier", veniva appunto pressata in cantina nel cosiddetto "Torggl", il torchio di legno. Questa usanza secolare è nata quando i contadini, gli aiutanti nella vendemmia ed i commercianti di vino si riunivano in cantina dopo la vendemmia per degustarne il risultato: il vino nuovo. Ovviamente, tali degustazioni vengono apprezzate maggiormente se accompagnate da gustosi spuntini piuttosto che a stomaco vuoto, ragion per cui i contadini hanno iniziato a servire a tavola anche i propri prodotti culinari. La degustazione in un'atmosfera conviviale è ormai una tradizione che ha riscontrato sempre più popolarità fino a diventare parte integrante della cultura altoatesina.

 

Törggelen: come funziona?

 "Quando l'autunno porta il sole, un bicchier di vino all'osteria mica duole!". Una bella giornata autunnale di sole è la cornice ideale per fare un’escursione ispirata dal Törggelen, degustando lungo il percorso vini di produzione propria o birre prodotte in casa. Attraversando castagneti e vigneti a piedi, si fa sosta in ogni osteria lungo il percorso, dove vengono presentati deliziosi piatti tradizionali. Durante le varie tappe i visitatori vengono accolti con un menu tradizionale del Törggelen: mezzelune ripiene fatte a mano, zuppa d'orzo, speck e formaggio, canederli, gnocchi al formaggio e, naturalmente, piatti a base di carne come costine di maiale, carne affumicata, insaccati e crauti. Come è facile notare, le pietanze sono ben curate, ma non per questo le bevande hanno un ruolo secondario. Tutt'altro: in ogni osteria si servono i nuovi vini delle diverse aziende agricole insieme ad altri vini pregiati altoatesini. Oltre al vino, l'autunno porta a tavola anche deliziosi succhi di stagione, come quello alla mela fresca o il succo d'uva. Come dolci conclusivi, si servono normalmente castagne arrosto insieme a dolci fritti come i Krapfen. Come fai a non avere l'acquolina in bocca?

Ma ciò che rende speciale il Törggelen non è solo il magnifico connubio tra un'escursione autunnale e un assaggio della cucina tradizionale, bensì è l'esperienza conviviale a fare del Törggelen un momento indimenticale ed unico: incontrarsi con altre persone, farsi quattro risate insieme, sedersi al tavolo delle osterie in gruppo degustando buon vino e piatti tipici locali. Quando si ha fortuna, la serata si conclude con musica dal vivo dove anche il pubblico viene coinvolto! E con un goccio di vino in più, anche le gambe si sentono più libere di muoversi a tempo! Al Törggelen premiamo l'originalità!

Detto questo non ci resta altro che augurarvi buon divertimento!